psicologo psicoterapeuta psicoterapista ipnosi
La posta elettronica o "e-mail" (pagina 1)
Cos'è e come si usa
In compenso se sei a Tokio, basta che ti trovi un computer con connessione Internet, e hai la sicurezza di poterti guardare tutti i tuoi messaggi come se tu fossi a casa tua.

Se si accede attraverso un programma specifico di posta elettronica, tutta la posta viene scaricata sul computer ogni volta che ci si connette, e si può guardarla con calma anche se la connessione non è attiva.

Se volete approfondire, potete andare alla voce Posta elettronica di Wikipedia.

Una cosetta più semplice e comprensibile invece si trova sulla pagina La posta elettronica, cos'è e come funziona, nella sezione A scuola di computer, del sito dell'Istituto Comprensivo 3 "Lame" di Bologna.


E' certamente uno degli strumenti più diffusi e più conosciuti di Internet, ed anche tra i più utili.

Funziona così. Uno scrive un messaggio ad un altro. Lo invia. Il messaggio arriva su un computer che resta sempre acceso, quello del server, cioè della ditta (chiamiamola così) che offre il servizio di posta elettronica. Resta là.

Quando il destinatario del messaggio accende il suo computer e va a cercare la posta, il computer si collega a quello del server, che gli fa sapere che c'è un messaggio per lui e glielo mostra.

Il collegamento può avvenire direttamente via web, quindi con i browser (Internet explorer, Mozilla, Safari o altri), oppure attraverso dei programmi specifici, come Thunderbird, Outlook express o Incredimail. Entrambi i sistemi hanno vantaggi e svantaggi.

Se si accede attraverso il web, la posta viene mostrata attraverso normali pagine web, simili a quelle dei normali siti. Si possono leggere i messaggi, cancellarli, scriverli.

Se la connessione Internet non funziona, si può solo aspettare.


Cos'è e come funziona
 
Come si usa una casella di posta elettronica?
Se non sapete molto d'informatica, chiedete all'amico di famiglia che se ne intende di computer.

E' una figura semi-istituzionale che ormai sta entrando a fare parte del tessuto sociale.

In questo caso, meglio che non lo chiediate a vostro figlio.

La sua posta elettronica è una delle cose che potreste voler sorvegliare, ed è chiaro che se è lui a farvi da consulente tecnico, come minimo dopo vi trovate in posizione di svantaggio.

Quando stipulate un contratto di connessione ad Internet, il fornitore vi mette a disposizione una o più caselle di posta elettronica.

La casella ha un indirizzo, il famoso xxx-chiocciola-xxx-punto-it. Cosa c'è scritto prima della chiocciola lo decidete voi, quello che viene dopo lo decide il fornitore.

A questo punto se vi collegate con la pagina principale del fornitore (Alice, Tiscali, Wind o qualsiasi altro), da qualche parte c'è scritto "Entra in e-mail".

Ci mettete il vostro indirizzo e la password, ed entrate.

Il fornitore vi fa anche sapere come dovete impostare i programmi specifici di posta elettronica (Thunderbird, Outlook express o altri) se decidete di usare quelli.

Ci sono molti siti che mettono a disposizione caselle di posta elettronica indipendentemente da con chi avete stipulato il contratto Internet.

Semplicemente vi chiedono qualche generalità che può essere anche fasulla, e poi basta seguire le istruzioni.

Per questo motivo è molto difficile avere il pieno controllo sulla casella di posta elettronica del figlio: se ne può creare quante ne vuole, con estrema facilità, e sarà quasi impossibile per voi scoprire se lo ha fatto.





I vantaggi della posta elettronica sono tali e talmente evidenti, che è appena necessario ricordarli.

E' veloce, e la posta indirizzata a te può raggiungerti in qualsiasi parte del mondo ci sia un computer collegato ad internet.

E' anche economica, anzi, totalmente gratuita, perché tanto il computer lo avreste comprato ugualmente e il contratto per la connessione ad Internet serve anche a molte altre cose.

Con una spesa fissa annuale davvero irrisoria, si può avere anche la "posta elettronica certificata".

I messaggi spediti con questo sistema hanno a tutti gli effetti lo stesso valore delle raccomandate cartacee con ricevuta di ritorno.
I vantaggi
 
 
La città invisibile - sicurezza minori in Internet
Città invisibile: sicurezza e protezione minori su Internet
  Home    L'autore    Internet e minori    Computer e minori    Siti amici    Altre risorse
Torna inizio pagina
La città invisibile
sito di psicologia per non psicologi
dedicato alla protezione ed alla navigazione sicura dei minori su internet
>Sei nella sezione:
   Internet e minori
Home  L'autore  Mappa del sito

Ricerca personalizzata
     La mappa          Potenzialità         Rischi          Protezione          Risorse
Pagina 1
Cos'è
Come si usa
I vantaggi
Pagina 2
Lo spam
Cosa arriva
I male intenzionati
Pagina 3
La privacy
Elettronica e cartacea
Le regole
I programmi