La prestazione energetica di un edificio

prestazione energetica

Negli ultimi anni la qualità costruttiva degli edifici ha vissuto un costante miglioramento, per diverse motivazioni. La prima consiste nell’effettiva presa di coscienza del fatto che buona parte dei consumi energetici si possono diminuire modificando sostanzialmente i metodi costruttivi, utilizzando materiali e principi che permettono di migliorare la coibentazione delle case, evitando così di disperdere il calore prodotto verso l’esterno.

Energia e inquinamento

Il consumo energetico che si effettua per riscaldare una casa influisce direttamente sull’inquinamento presente nelle città e negli agglomerati di edifici di ogni genere. Per questo motivo la Comunità Europea si batte da anni per migliorare la qualità costruttiva degli edifici, in modo da diminuire le spese per chi ci vive e la diffusione di inquinanti nell’atmosfera.

A tal proposito anche in Italia è obbligatorio, per legge, presentare l’Attestato di Prestazione Energetica di un edificio di nuova costruzione, o in via di ristrutturazione. Le norme non obbligano i costruttori, o i committenti, a seguire particolari norme in modo da produrre un edificio con base spese energetiche, ma semplicemente di redigere la documentazione che permette di inserire la struttura nelle cosiddette classi energetiche.

Le classi energetiche e il valore di un edificio

Come viene indicato sul sito geometra24.it, le classi energetiche sono delle categorie in cui si inseriscono le abitazioni dotate di APE. Si parte dalla classe migliore, indicata con A, o A+, fino ad arrivare alla peggiore, indicata con G.

Nel momento in cui si decide di acquistare una nuova casa è subito possibile valutare non solo l’aspetto estetico, lo spazio occupato, la qualità delle finiture, ma grazie alle classi energetiche anche una persona del tutto al di fuori dal mondo dell’edilizia è in grado di comprendere le qualità intrinseche che riguardano le spese per il riscaldamento e la coibentazione di un qualsiasi edificio.

Questo si verifica grazie alle indicazioni date dalle classi energetiche. La presenza di questo tipo di informazione permette infatti a chiunque di confrontare due abitazioni, comprendendo quale sia stata costruita seguendo criteri di qualità più elevata.

Altri scopi dell’APE

Oggi la presenza dell’APE è obbligatoria per le nuove costruzioni, ma anche per qualsiasi edificio che si posto in vendita o locato. All’interno dei documenti non solo viene indicata la classe energetica di appartenenza della struttura, ma anche quali siano i lavori che si possono effettuare per migliorare la prestazione energetica.

Nel momento in cui si acquista una casa tale documento ci permette quindi di evidenziare quali siano i lavori più urgenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

AlphaOmega Captcha Classica  –  Enter Security Code